23/12/2023

Mutui: previsioni e trend 2024

Con uno scenario così incerto è davvero difficile fare previsioni sui mutui nel 2024, e tuttavia secondo alcuni analisti tra i più accreditati la corsa al rialzo potrebbe essersi finalmente in dirittura d’arrivo. 

L’aumento del costo del denaro stabilito dalla Banca Centrale Europea allo scopo di contrastare l’impennata dell’inflazione, ha infatti portato in meno di un anno il costo del denaro dallo 0% al 4,50%. Un massimo storico mai visto in tempi di euro che ha avuto un impatto enorme sul mercato dei mutui e su quello immobiliare.

L’IRS, il parametro di riferimento dei mutui a tasso fisso, ha già triplicato il suo valore rispetto a inizio 2023 ma dopo l’estate ha arrestato la sua corsa, risultando oggi più conveniente del variabile; da parte sua l’Euribor, il parametro di riferimento dei mutui a tasso variabile, potrebbe non aver ancora concluso la sua crescita, con gli analisti che prevedono una stabilizzazione intorno al 5%.

Che cosa attendersi allora dal mercato dei mutui nel 2024? 

La Banca Centrale Europea ha lasciato al massimo storico del 4,5 per cento il costo del denaro e non ci sono segnali di un taglio a breve termine. Tuttavia l’inflazione sembra essersi raffreddata e questo prima o poi spingerà l’Eurotower a ridurre i tassi. Più probabilmente nella seconda metà del 2024, secondo le stime degli operatori di mercato, che stanno notando come già i mutui a tasso fisso abbiano cominciato a limare qualche decina di euro di rata mensile sull’acquisto di una prima casa. Un piccolo segnale che però può significare una decina di migliaia di euro di risparmio sul ciclo di vita di un mutuo trentennale.

Che tipo di mutuo conviene fare nel 2024?

Guardando alla situazione attuale dei tassi, il mutuo più conveniente rimane ancora quello a tasso fisso. Tuttavia, considerando che nei prossimi anni una normalizzazione dello scenario sarà inevitabile, per chi può ragionare su un più lungo periodo gli esperti consigliano di valutare anche formule ibride, ovvero i mutui a tasso misto, come i variabili con cap o i mutui a tasso variabile con opzione, ovvero con la possibilità di passare dal tasso variabile al tasso fisso.

Gruppo Casatua, per supportare al meglio i propri clienti in questa scelta, all’interno del proprio team, ha un ufficio dedicato alla consulenza finanziaria volta ad individuare la soluzione ottimale per soddisfare le esigenze dei clienti.

Per maggiori informazioni sull’accensione di un mutuo per l’acquisto di una casa potete quindi rivolgervi a Gruppo Casatua, network di agenzie di intermediazione immobiliare che opera a Milano e nell’hinterland con filiali nei comuni di Arese, Bollate e Lainate.

Articoli simili
20 Maggio 2024
Compromesso e rogito: le differenze e quanto tempo passa tra l'uno e l'altro
La compravendita di una casa è un processo che comprende vari passaggi, spesso fonte di…
17 Aprile 2024
Casa ereditata: meglio vendere o affittare?
Una casa ereditata investe molti aspetti della vita di una persona. C'è prima di tutto…
19 Marzo 2024
Comprare casa per investimento a Milano: in quali quartieri e quali immobili?
Milano, la metropoli che non dorme mai, continua a essere attraente per gli investitori immobiliari,…