Risultati della ricerca

Milano: aumento delle compravendite.

Inserito da Casatua in 28 marzo 2015
| 0

La città anticipa i movimenti del mercato immobiliare.

Nel corso del 2014 il mercato immobiliare di Milano ha restituito risultati che non corrispondono pienamente alle attese: ad eccezione del segmento corporate, il settore pare contraddistinguersi, in modo omogeneo, per una domanda piuttosto debole. Per i prossimi mesi del 2015 si prospetta una crescita delle compravendite, ma con un ulteriore calo dei prezzi (-1/1,5% nel I trimestre), e la stabilizzazione, per l’ambito locativo, sui canoni attuali. È quanto emerge dall’Osservatorio sul Mercato Immobiliare Marzo 2015 curato da Nomisma.

navigli_milano

“Le inversioni cicliche sono anticipate dai mercati maggiori quindi Milano, da questo punto di vista, rappresenta la città che anticipa i movimenti del mercato. E’ successo sul versante del numero delle compravendite, mentre per quanto riguarda i prezzi i segnali sono ancora negativi, quindi non ci sono differenze territoriali dal punto di vista dei prezzi: c’è una dinamica negativa ancora in atto per quest’anno e parte del prossimo”, ha dichiarato Luca Dondi, direttore generale di Nomisma.

Nel dettaglio per i primi mesi del 2015 il mercato delle abitazioni ha registrato una crescita della domanda e, soprattutto, della quota di compravendite finanziate da mutuo. Si mantiene stabile il mercato delle locazioni, con una quota di abitazioni sul mercato sfitte che tocca il 25%, e tempi medi di locazione di 4 mesi. Il mercato degli acquisti – la cui domanda per le abitazioni nuove rappresenta il 20% del totale, a fronte di un’offerta che si attesta al 10% – vede il permanere di alcune difficoltà, con una quota di abitazioni in vendita da oltre 12 mesi che supera il 45% e tempi medi di acquisto che si collocano poco al di sotto degli 8 mesi.

Un eccesso di offerta si registra invece per il mercato degli uffici di Milano, a cui risponde una domanda stazionaria tanto sul versante acquisti quanto sulla locazione: sale all’80% la quota di uffici in vendita da oltre 12 mesi e al 50% la quota di quelli in locazione da oltre 9 mesi. Se per concludere una compravendita sono necessari in media 9,6 mesi, ne servono 7 per un contratto di locazione. Anche in questo caso, come per il mercato delle abitazioni, il primo trimestre del 2015 ha restituito una contrazione dei prezzi medi che si stima nell’ordine del 3%.

Fonte: News.attico.it

Condividi tramite Email...Email this to someone

Lascia un Commento

Your email address will not be published.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <strong> <em> <pre> <code> <a href="" title="">

  • Ricerca Immobile